Centro Accoglienza e Servizi (CAS)

 

Il CAS è la struttura di riferimento del paziente oncologico, nell’ambito della Rete Oncologica del Piemonte e della Valle d’Aosta, per  supportarlo, assisterlo e orientarlo nel percorso di diagnosi e cura della patologia oncologica garantendo la continuità della cura e dell’assistenza.

Le funzioni principali del CAS , sono:
− Informazione e accoglienza
− Funzioni amministrative e gestionali
− Supporto ai Percorsi Diagnostico Terapeutici Assistenziali oncologici (P.D.T.A.)

Dove   

L’ufficio CAS si trova in Via San Giuseppe Benedetto Cottolengo, 9 al Piano Terra

Orari di prenotazione telefonica  
  • dal Lunedì al Venerdì dalle 09.00 alle 10.00
  • Lunedì, Giovedì e Venerdì dalle 13.30 alle 15.00

al numero: 011 / 52.94.561

Primo accesso diretto
 
  • Lunedì, Giovedì e Venerdì dalle 09.00 alle 12.50 e dalle 13.20 alle 15.30
  • Martedì e Mercoledì dalle 09.00 alle 12.00 e dalle 12.30 alle 15.30
Ulteriori accessi  

Secondo la programmazione dei singoli percorsi PDTA del Presidio e le specifiche indicazioni ricevute dai sanitari.

Recapiti   

Telefono 011 / 52.94.561

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Responsabile e referente medico  

Dott. Carlo Alberto Raucci

Referente infermieristico   Donatella Ceresa
Referente amministrativo   Nadia Mosca
Psiconcologo di riferimento   Cristina Giovannone
Assistente sociale di riferimento   Rosangela Bertolusso

 

ATTIVITA’ CAS E GIC E CENTRI DI RIFERIMENTO

Le Regione Piemonte, ha identificato in accordo con la Rete Oncologica nella delibera n. 51-2485 del 23 novembre 2015, i centri di riferimento per le varie patologie oncologiche, identificando il nostro Presidio come centro di riferimento per i Tumori della mammella, del colon retto ed urologici. Così per i tumori cutanei per la fase diagnostica iniziale.

Pertanto sono attivi i corrispondenti Gruppi interdisciplinari di cura (GIC senologia, GIC neoplasie colon-retto e GIC urologico) in cui i vari specialisti elaborano i percorsi diagnostico terapeutico- assistenziali, effettuano visite collegiali multidisciplinari stilando referti con indicazioni condivise, e trattano le diverse patologie oncologiche all’interno di un percorso standardizzato.

Nel percorso del Paziente oncologico, particolare importanza ricoprono l’attività del CAS (Centro Accoglienza e Servizi).

Il CAS è una segreteria organizzativa, attiva nel nostro Presidio dal 2004, in cui amministrativi, infermieri e medici dedicati si occupano della presa in carico di pazienti provenienti dai servizi diagnostici interni (in particolare Radiologia senologica, Radiologia ed Endoscopia), dagli ambulatori specialistici del nostro Ospedale e da quelli di area, o inviati dai Medici di Medicina Generale, o da altri CAS.

La presa in carico è globale e continuativa, secondo le indicazioni della Rete Oncologica, rivolge particolare attenzione agli aspetti familiari, sociali e psicologici e prevede una percorso personalizzato per il paziente anziano; prevede inoltre la prenotazione degli accertamenti diagnostici, visite specialistiche, con canali preferenziali. In caso di necessità la Segreteria prenota esami anche in altre strutture sanitarie tramite le segreterie dei servizi o i CAS.

La presa in carico comprende inoltre le pratiche per la richiesta di esenzione per patologia e la programmazione del follow-up.

Tale presa in carico dà al paziente autonomo un importante supporto logistico con risparmio di tempo, per code e prenotazioni, e di ansie, derivanti dal timore di non effettuare le valutazioni in tempi adeguati.

Il paziente anziano e fragile, proveniente di solito dalle aree limitrofe all’Ospedale, viene accompagnato nel percorso di diagnosi e cura, con il risultato di alleviare comunque il carico del paziente sulla propria famiglia, quando ne ha una.

E’ previsto un percorso dedicato al paziente geriatrico che ha l’obiettivo di garantire cure adeguate evitando sovra e sottotrattamenti: in un ambulatorio dedicato (GIC Oncogeriatria) Oncologo e Geriatria effettuano valutazioni collegiali elaborano proposte personalizzate in relazione alle esigenze ed alle richieste del singolo Paziente, in accordo con i GIC di riferimento.

Per il paziente in cure palliative e che presenti sintomi rilevanti in corso di cure attive, è prevista la partecipazione di un medico palliativista ad ogni GIC, con la possibilità di effettuare visite collegiali con radioterapisti, geriatri e altri specialisti.

L’attività di degenza è un prezioso supporto a questi pazienti ambulatoriali.

Effettuate le valutazioni e gli accertamenti preliminari il CAS invia i Pazienti ai vari GIC aziendali o delle altre aziende limitrofe in relazione alle indicazioni sui centri di riferimento.